IL GRAND TOUR (IN BUS) DEGLI STORICI DELL'ARTE DELL'UNICAL, DA MORANO A REGGIO CALABRIA PER RISCOPRIRE ARTE E TERRITORI

Ventisette studenti del corso di laurea in Storia dell’Arte, accompagnati dai docenti, hanno visitato in 3 giorni e 7 tappe i tesori del patrimonio artistico calabrese. Scoprendo, tra antichità, modernità e "non finito", che un futuro in Calabria c'è.

Fotoracconto di Elisa Longo | 8/05/2017

Elisa Longo

Elisa Longo

Quando si viaggia consapevolmente, quando si tenta di costruirsi una coscienza nuova delle cose,quando si lavora per sentire profondamente un sentimento di familiarità con i propri luoghi, allora si instaura un rapporto nuovo con la terra, con la strada, con la variabile sinuosità dei paesaggi. E ci si proietta verso il futuro. Le tappe del viaggio: Morano Calabro, Altomonte, Corigliano Calabro, Rossano Calabro, Catanzaro, Gerace, Reggio Calabria.

Gerace

Gerace

La chiesa di San Francesco d'Assisi è un esempio di stile gotico calabrese e segue perfettamente la morfologia del terreno. Perché c'è un rapporto stretto tra arte e luoghi, si caratterizzano a vicenda.

Gerace

Gerace

Chiesa di San Francesco d'Assisi, l'altare maggiore è del '600, realizzato in marmi policromi intarsiati. Esprime al meglio il barocco calabrese.

Altomonte

Altomonte

Santa Maria della Consolazione. Questo è un esempio di architettura angioina. In foto c'è Ilenia.

Altomonte

Altomonte

Foto di gruppo sul sagrato della chiesa di Santa Maria della Consolazione. Con noi c'è anche uno studente tunisino, un indonesiano, una russa e una francese.

Morano Calabro

Morano Calabro

Colleggiata della Maddalana. Quello che vedete è Manuel davanti al polittico di Bartolomeo Vivarini e risale al 1477.

Corigliano

Corigliano

Il salone degli specchi del Castello, fra i più belli dell'Italia meridionale. Se non avessimo intrapreso questo viaggio non avremmo mai potuto familiarizzare con simili bellezze. Parla Domenico.

Rossano

Rossano

In questa teca è conservato il Il Codex Purpureus Rossanensis, manoscritto onciale greco del VI secolo.

Catanzaro

Catanzaro

Questa città ci ha riservato delle emozioni che non immaginavamo di provare. Qui Virginia e Leonardo ci mostrano dove sorgeva Palazzo Serravalle, un importante edifico ottocentesco demolito per ampliare la viabilità Restiamo senza parole.

Catanzaro

Catanzaro

Francesca ci illustra la pala fiamminga di Teodoro d'Errico (difficile stabilire la data certa) nella Chiesa del Rosario.

Catanzaro

Catanzaro

Uno scorcio del Parco Internazionale della Scultura, unico nel Mezzogiorno. Si trova all’interno di una vasta area verde di oltre 63 ettari adiacente al centro urbano della città. Ci accompagna Eddie Suraci (Altrove Festival), da qualche anno impegnato in progetti di rigenerazione urbana e street art.

Reggio Calabria

Reggio Calabria

Eccoli i Bronzi, li disegna Gabi, la collega francese. Entriamo e li vediamo di spalle, questo non ci piace. E poi sono molto lontani l'uno dall'altro. La biglietteria del museo è in un punto sbagliato, le vetrate da fuori non lasciano intuire nulla della bellezza custodita all'interno, le aree espositive sono anguste. Non vediamo nessuno che sorvegli sulle opere.

I Professori

I Professori

Giovanna Capitelli, professore associato di Storia dell'arte moderna. ha accompagnato i ragazzi con 5 colleghi (Leonardo Passarelli - Storia dell'Arte Contemporanea - Ornella Scognamiglio - Museologia - Emilia Talamo - Storia dell'Arte Moderna - Cristiana Coscarella - Soria dell'Architettura). « Era proprio il caso di fare un Gran Tour in Calabria, di spostare l'università fuori dalle aulee, di mettere a disposizione del territorio le competenze dei futuri storici dell'arte».

La fine del viaggio

La fine del viaggio

Abbiamo capito che qui in Calabria abbiamo un futuro, che la bellezza è ovunque, che gli storici dell'arte devono riappropriarsi del proprio ruolo e dei propri spazi. Che ci sono tante attribuzioni sbagliate di opere sulle quali ancora indagare. Che nei musei mancano le competenze. La Calabria insomma vale il tentativo di provarci a restare. Il mio e quello degli altri.

  • https://www.facebook.com/calabriacul
  • https://www.instagram.com/calabria_c
  • https://twitter.com/calabria_cult
  • https://www.youtube.com/channel/UCh1

Il progetto non ha scopo di lucro: tutte le collaborazioni  si intendono a titolo gratuito

© Cambiamo il finale!

via Caparroni 15,

c/o Home for Creativity

87046- Montalto Uffugo (CS)

e.mail  calabriacult@gmail.com