controcopertina

Arenaria 2017, Pierluigi Virelli

porta i riti, i canti e le danze tradizionali

sul lungomare di Crotone

di CalabriaCult | 5 Settembre 2017

«Il tamburo? È uno spazio sul quale raccontare le fatiche e le gioie della vita.  È stato così nell'iconografia magno-greca, fino ai nostri nonni. Eccentrico nel Marchesato, ossessivo. In dialogo con zampogna, lira e  ciaramella nella Calabria grecanica. L'organetto è protagonista nel Reventino: a 4 o a 8 bassi, segue le tipiche danze saltate. Come quelle  a cusciantara di Conflenti, recuperate di recente, grazie al racconto degli anziani». Pierluigi Virelli è enciclopedico quanda parla di musica e tradizioni popolari. Attinge direttamente alle ultime fonti viventi, vecchi pastori e contadini che custodiscono saperi antichissimi. Li ha chamati tutti a raccolta, riuniti in una comunità provvisoria, per un festival sulla cultura di matrice orale calabrese: nuove e vecchie generazioni si incontreranno sul lungomare di Crotone che per tre giorni, dall'8 al 10 settembre, metterà da parte aperitivi, musica techno e contesti chillout, per accogliere la nuova edizione dell'Arenaria festival: "granelli di tradizioni locali" che riportano in pista le atmosfere di un tempo. Virelli è il direttore artistico.

I riti delle Calabrie

Laboratori artistici, musicali e di danze tradizionali il pomeriggio, performarmances la sera, anzi feste all'abballu , in cerchio con suonatori e danzatori. E al centro l'immancabile mastru a ballu che guida le danze e  forma le coppie. Un'occasione straordinaria per mettere in scena gli antichi riti delle Calabrie («declinata al plurale: la diversità nel corredo musicale e coreutico dimostra che coesistono tante Calabrie»). Pierluigi Virelli, musicista e studioso della musica dei popoli, presidente dell'associazione culturale Innesti, animatore di feste e piazze,  ha scelto di dedicare ogni giornata a un'area specifica: si parte dalla Calabria grecanica,  poi quella del Marchesato crotonese, infine il Reventino. E altrattante tarantelle e una varietà di canti e strumenti. Un progetto che ha richiesto un'organizzazione complessa, con i coinvolgimento del Comune (in prima linea le assessore alla cultura e alle attività produttive Antonella Consentino e Sabrina Gentile), Join Calabria per la logistica e di Sara Bitonti per la comunicazione.

Virelli in un antico canto di lavoro del Reggino

Giganti, feste abballu e un salotto culturale

Scenderanno a mare pastori e contadini, accompagnati da figli e nipoti.  E da Vibo Valentia arriveranno i Giganti della famiglia Luzza di Dasà. Mata e Grifone, due fantocci di tradizione antichissima, sfileranno volteggiando sul lungomare, tra rullante e grancassa, espressioni della bellezza popolare. Fra le danze tradizionali anche u ballu du ciuccio nfocato  (una struttura di legno che brilla di fuochi d'artificio) e mosaici, graffiti e murales daranno luce e colore agli angoli più bui del lungomare. Previsti anche tour  in bicicletta. Si mangia  e si beve locale. E nel “salotto culturale” della Lega Navale, si parlerà di eccellenze e  identità locali. Tra gli ospiti  gli scrittori Pino Aprile e Francesco Bevilacqua, l'antropologa Patrizia Giancotti, gli imprenditori Massimiliano Capalbo e Stefano Caccavari, il ricercatore etnografico Nino Cannatà, il poeta Daniel Cundari. Partecipa anche l’oncologa Tullia Prantera: l'obiettivo è una raccolta fondi per l'acquisto di attrezzature per il reparto di oncologia dell'ospedale di Crotone.

ARCHIVIO
Crotone, mostra sul pane
Dune del Marchesato Crotonese
Sibari, Parco Archeologico
Locri, Don Bosco Bus
Fiumefreddo, borgo dei borghi
Cosenza, la vita dentro
Cosenza, 12 Filosofi Guerrieri
Paterno, primavera shabby chic
Nocera Terinese, I Vattienti
Prossimità di Sonia Ferrari
Alessandria del Carretto
Viaggio di una Pite
Miniera di Giorgio Bartocci
San Leonardo di Cutro
Cosenza, il ponte di Calatrava
AltRove Festival
Teatro Musical con Cesare Vangeli
Aquiloni in volo a Nocera Terines
Mostra altro
  • https://www.facebook.com/calabriacul
  • https://www.instagram.com/calabria_c
  • https://twitter.com/calabria_cult
  • https://www.youtube.com/channel/UCh1

Il progetto non ha scopo di lucro: tutte le collaborazioni  si intendono a titolo gratuito

© Cambiamo il finale!

via Caparroni 15,

c/o Home for Creativity

87046- Montalto Uffugo (CS)

e.mail  calabriacult@gmail.com